Aforismi

Poesie sulla vita: 68 opere per riflettere sul senso del vivere e l’amore

Poesie sulla vita da dedicare e condividere. Tante opere che indagano il rapporto tra vita e amore e il senso dell’esistenza.

poesie vita
Tempo di lettura: 20 minuti

Poesie sulla vita

Le gioie, i dolori, le delusioni d’amore e la passione. Sono tanti gli aspetti della vita e i sentimenti che colorano le giornate della nostra esistenza. Proprio sul senso della vita e sulle sue passioni si sono interrogati negli anni poeti e scrittori, regalando poemi bellissimi da conservare nelle propria mente o dedicare a una persona importante. L’articolo propone tante poesie d’autore in grado di descrivere l’animo umano e l’esistenza in modo unico, perfette da condividere sui social o da recitare a voce a una persona importante. Opere di Pablo Neruda, poesie sulla vita di Alda Merini o di Shakespeare possono diventare degli inni, dei messaggi motivazionali o delle lettere d’amore da inviare al partner.
Non resta che trovare la poesia sulla vita più bella da dedicare.

Poesie sulla vita famose

Shakespeare, Alda Merini, Pablo Neruda, sono solo alcuni degli autori che hanno parlato dell’esistenza, regalando al mondo pensieri e parole sulla vita. In basso sono disponibili tante poesie belle da proporre anche ai più piccoli per spingerli a riflettere sull’esistenza e a vivere portando avanti valori sani. Inoltre è possibile trovare anche poesie per bambini sulla vita di Gianni Rodari ad esempio, perfette per imparare l’importanza dei piccoli gesti, giocando con parole e rime.

Quello che sa il mio corpo
non è una bugia, non lo è
una bugia ti dico che non lo è
non è niente di meno che la verità
e niente di più grande
le mie logge del passato
nel mio midollo e se
volevo un trapianto
non ci sarebbe corrispondenza
i dolori degli altri nani
i miei piccoli traumi ancora
queste ossa sono mie
quando scricchiolano
quando gemono
quando piagnucolano
c’è solo una cosa
posso rivendicare queste ossa
sono miei ti dico
sono miei e gentili
non abbandonare nulla
che fa questo impulso
nessuno tranne me
(Cindy Williams Gutierrez)

La mia vita era la dimensione della mia vita.
Le sue stanze erano grandi come una stanza,
la sua anima aveva le dimensioni di un’anima.
Sullo sfondo, i mitocondri ronzavano,
sopra sole, nuvole, neve,
il transito di stelle e pianeti.
Ha guidato ascensori, treni proiettili,
vari aeroplani, un asino.
Indossava calze, camicie, orecchie e naso.
Ha mangiato, ha dormito, si è aperto
e chiuse le sue mani, le sue finestre.
Altri, lo so, avevano vite più grandi.
Altri, lo so, hanno avuto vite più brevi.
Anche la profondità delle vite è diversa.
Ci sono stati momenti nella mia vita e ho fatto battute insieme.
Ci sono state volte in cui abbiamo fatto il pane.
Una volta sono diventato lunatico e distante.
Ho detto alla mia vita che mi sarebbe piaciuto un po’ di tempo.
Vorrei provare a vedere gli altri.
In una settimana, la mia valigia vuota e io siamo tornati.
(Jane Hirshfield)

Devo paragonarti a un giorno d’estate?
Sei più adorabile e più temperato.
I venti violenti scuotono i cari boccioli di maggio,
e l’affitto estivo ha una data troppo breve.
A volte troppo caldo l’occhio del paradiso brilla
e spesso la sua carnagione dorata è offuscata;
e ogni bello da bello a volte declina,
per caso, o per il mutamento del corso della natura, non tagliato.
Ma la tua eterna estate non svanirà,
né perdere il possesso di quella bella che possiedi,
né la morte si vanterà del tuo riposo alla sua ombra,
quando nelle linee eterne al Tempo tu cresci.
Finché gli uomini possono respirare, o gli occhi possono vedere,
così a lungo vive questo, e questo ti dà la vita.
(William Shakespeare)

Ho visto una formica,
in un giorno freddo e triste,
donare alla cicala
metà delle sue provviste.
Tutto cambia: le nuvole,
le favole, le persone.
La formica si fa generosa
è una rivoluzione!
(Gianni Rodari)

Qualcuno che la sa lunga
mi spieghi questo mistero:
il cielo è di tutti gli occhi
di ogni occhio è il cielo intero.
(Gianni Rodari)

Leva morte da noi
quell’intatto minuto come pane
che l’amante non morse né la donna
al colmo dell’offerta.
Dove vita, di sé fatta più piena
ci divide dal corpo
e ci annovera al gregge di un pastore
costruito di luce,
nasce morte per te. D’ogni dolore
parto ultimo è solo
che mai possa procedere dal seno.
Eppure a noi lontano desiderio
di quell’attimo pieno
viene a fatica dentro giorni oscuri
ma se calasse nella perfezione
di sua vera natura
presto cadremmo affranti dalla luce.
L’albero non è albero né il fiore
può decidersi bello
quando sia forte l’anima di male;
ma nel giorno di morte
quando l’amante, tenebroso duce
abbandona le redini del sangue,
sì, più dura vicenda
si spiegherà entro un ordine di regno.
E il senso verrà ricostruito,
e ogni cosa nel letto
in cui cadde nel tempo avrà respiro,
un respiro perfetto.
Ora solo un impuro desiderio
può rimuovere tutto, ma domani
quando morte si s’innalzi…
(Alda Merini)

Crepuscolo marino,
in mezzo
alla mia vita,
le onde come uve,
la solitudine del cielo,
mi colmi
e mi trabocchi,
tutto il mare,
tutto il cielo,
movimento e spazio,
i battaglioni bianchi
della schiuma,
la terra color arancia,
la cintura incendiata del sole in agonia,
tanti doni e doni, uccelli
che vanno verso i loro sogni,
e il mare, il mare,
aroma sospeso,
coro di sale sonoro,
e nel frattempo, noi,
gli uomini, vicino all’acqua,
che lottiamo e speriamo
vicino al mare, speriamo.
Le onde dicono alla costa salda:
Tutto sarà compiuto.
(Pablo Neruda)

Sono impegnato a calmare la mia paura
e trovare il mio coraggio.
Sono impegnato ad ascoltare i miei figli.
Sono impegnato a mettermi in contatto
con ciò che è reale.
Sono impegnato a coltivare cose e
connettermi con il mondo naturale.
Sono impegnato a mettere in discussione le mie risposte.
Sono impegnato a essere presente nella mia vita.
(Brooke Hampton)

Vivere i contenuti con piccoli mezzi;
cercare l’eleganza piuttosto che il lusso,
e raffinatezza piuttosto che moda,
essere degno, non rispettabile,
e ricco, non ricco;
studiare sodo, pensare in silenzio,
parla dolcemente, agisci con franchezza,
per ascoltare stelle e uccelli,
a bambini e saggi,
con cuore aperto,
per sopportare tutto allegramente,
a tutti coraggiosamente attendono occasioni,
non affrettarti mai.
In una parola, per lasciare che lo spirituale non venga richiesto
e l’inconscio cresca attraverso il comune.
Questa sarà la mia sinfonia.
(William Henry Channing)

Non chiederlo ai tuoi figli
lottare per vite straordinarie.
Tale impegno può sembrare ammirevole,
ma è la via della stoltezza.
Aiutali invece a trovare la meraviglia
e la meraviglia di una vita ordinaria.
Mostra loro la gioia della degustazione
pomodori, mele e pere.
Mostra loro come piangere
quando gli animali e le persone muoiono.
Mostra loro il piacere infinito
nel tocco di una mano.
E rendi vivo l’ordinario per loro.
Lo straordinario si prenderà cura di se stesso.
(William Martin)

Vedere un mondo in un grano di sabbia e un universo in un fiore di campo, possedere l’infinito sul palmo della mano e l’eternità in un’ora.

La paura è forte e prepotente.
A volte può essere viziosa.
E il peggio è questo
spesso mescola verità e finzione.
Ma devi imparare a sfidare
le storie che ti nutre.
Diventi il capo dei tuoi pensieri.
Puoi imparare a mettere in discussione
o meno
tutto quello che ti dice
è vero,
tutta la verità,
e nient’altro che la verità.
Da quando hai fatto il lavoro
per approfondire la consapevolezza di sé
e autocompassione,
quando getti tutti i tuoi fallimenti passati
in faccia non ti sgretolerai
perché sai già di essere imperfetto.
E tu sei bellissima
e resiliente
e degna
di costruire a
vita pensierosa.
(Krista O’Reilly)

Qui,
nella stanza della mia vita
gli oggetti continuano a cambiare.
Posacenere in cui piangere,
il fratello sofferente delle pareti di legno,
i quarantotto tasti della macchina da scrivere,
ciascuno un bulbo oculare che non si chiude mai,
i libri, ciascuno un concorrente in un concorso di bellezza,
la sedia nera, una bara per cani fatta di Naugahyde,
le prese a muro
aspettando come una grotta di api,
il tappeto d’oro
una conversazione di tacchi e dita dei piedi,
il caminetto
un coltello in attesa che qualcuno lo raccolga,
le porte
aprendosi e chiudendosi come vongole,
le luci
colpendomi,
illuminando sia la terra che la risata.
Le finestre,
le finestre affamate
che guidano gli alberi come chiodi nel mio cuore.
Ogni giorno nutro il mondo là fuori
sebbene gli uccelli esplodano
destra e sinistra.
Nutro anche il mondo qui,
offrendo i biscotti del cucciolo della scrivania.
Tuttavia, niente è solo quello che sembra.
I miei oggetti sognano e indossano nuovi costumi,
costretto, a quanto pare, da tutte le parole nelle mie mani
e il mare che mi sbatte in gola.
(Anne Sexton)

Due strade divergevano in un bosco giallo,
e mi dispiace non aver potuto viaggiare su entrambe
ed essere un viaggiatore, a lungo sono rimasto
e ne ho guardato uno il più lontano possibile
dove si piegava nel sottobosco;
poi ha preso l’altro, altrettanto giusto,
e avendo forse la pretesa migliore,
perché era erboso e voleva indossare;
anche se per quanto riguarda il passaggio lì
li avevo indossati quasi allo stesso modo,
ed entrambi quella mattina giacevano ugualmente
sulle foglie nessun gradino aveva calpestato il nero.
Oh, ho tenuto il primo per un altro giorno!
Eppure sapendo come la via conduce alla via,
dubitavo se sarei mai tornato.
Lo racconterò con un sospiro
da qualche parte età ed età da qui:
due strade divergevano in un bosco e io…
Ho preso quello meno battuto,
E ciò ha fatto la differenza.
(Robert Frost)

Se riesci a mantenere la testa quando tutti intorno a te
stanno perdendo la loro e incolpando te.
Se puoi fidarti di te stesso quando tutti gli uomini dubitano di te,
ma tenete conto anche dei loro dubbi;
se puoi aspettare e non essere stanco di aspettare,
oti hanno mentito, non trattare con bugie,
o essendo odiato, non lasciare il posto all’odio,
eppure non sembrare troppo buono, né parlare troppo saggio:
se sai sognare, non fare dei sogni il tuo padrone;
se riesci a pensare, non fare dei pensieri il tuo scopo.
Se riesci a sopportare di sentire la verità che hai detto
contorta dai furfanti per fare una trappola per gli sciocchi,
o guarda le cose a cui hai dato la vita, distrutte,
e chinarti e ricostruirle con strumenti logori:
se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite
e rischiare in un turno di lancio e lancio,
e perdi, e ricomincia dai tuoi inizi
e non dire mai una parola sulla tua perdita.
Se puoi forzare il tuo cuore, i tuoi nervi e i tuoi muscoli
per servire il tuo turno molto tempo dopo che se ne sono andati,
e quindi resisti quando non c’è niente in te
tranne la Volontà che dice loro: “Aspettate!”.
Se puoi parlare con la folla e mantenere la tua virtù,
o camminare con i re, né perdere il tocco comune,
se né i nemici né gli amici amorevoli possono ferirti,
se tutti gli uomini contano per te, ma nessuno troppo;
se riesci a riempire il minuto implacabile
con sessanta secondi di distanza percorsa,
tua è la terra e tutto ciò che è in essa,
e, soprattutto, sarai un uomo, figlio mio!
(Rudyard Kipling)

Non andare dolcemente in quella buona notte,
la vecchiaia dovrebbe bruciare e delirare alla fine della giornata;
rabbia, rabbia contro il morire della luce.
Sebbene gli uomini saggi alla fine sappiano che il buio è giusto,
perché le loro parole non avevano biforcuto fulmini
non essere gentile in quella buona notte.
Bravi uomini, l’ultima ondata, piangendo quanto è luminoso
le loro fragili azioni avrebbero potuto danzare in una baia verde,
rabbia, rabbia contro il morire della luce.
Uomini selvaggi che hanno catturato e cantato il sole in volo,
e impara, troppo tardi, l’hanno addolorato durante il suo cammino.
Non essere gentile in quella buona notte.
Uomini gravi, prossimi alla morte, che vedono con una vista accecante
Gli occhi ciechi potrebbero divampare come meteore ed essere allegri,
rabbia, rabbia contro il morire della luce.
E tu, padre mio, lì sulla triste altezza,
maledizione, benedizione, ora con le tue feroci lacrime, prego.
Non essere gentile in quella buona notte.
Rabbia, rabbia contro il morire della luce.
(Dylan Thomas)

Dimmi di no, in numero triste,
la vita non è che un sogno vuoto!
Perché l’anima è morta che dorme,
e le cose non sono come sembrano.
La vita è reale! La vita è seria!
E la tomba non è il suo obiettivo;
polvere tu sei, alla polvere ritorna,
non si è parlato dell’anima.
Non piacere e non dolore,
è la nostra meta o via;
ma agire, che ogni domani
trovaci più lontano di oggi.
L’arte è lunga e il tempo è fugace,
e i nostri cuori, sebbene robusti e coraggiosi,
eppure, come tamburi smorzati, battono
marce funebri verso la tomba.
Nell’ampio campo di battaglia del mondo,
nel bivacco della vita,
non essere come un bestiame muto e spinto!
Sii un eroe nel conflitto!
Non fidarti del futuro, com’è piacevole!
Lascia che il passato morto seppellisca i suoi morti!
Agisci, agisci nel presente vivente!
Cuore dentro e Dio in alto!
Le vite di grandi uomini ce lo ricordano tutte
possiamo rendere le nostre vite sublimi
e, partendo, lasciaci alle spalle
impronte sulle sabbie del tempo;
impronte, che forse un altro,
navigando sulla solenne principale della vita,
un fratello disperato e naufrago,
vedere, riprenderà il cuore.
Allora, alziamoci e agiamo,
con un cuore per qualsiasi destino;
ancora ottenendo, ancora perseguendo,
impara a lavorare e ad aspettare.
(Henry Wadsworth Longfellow)

Hai sentito della rosa che è cresciuta
da una crepa nel cemento?
Dimostrare che la legge della natura è sbagliata
imparare a camminare senza avere i piedi.
Sembra divertente, ma mantenendo i suoi sogni,
ha imparato a respirare aria fresca.
Lunga vita alla rosa che è cresciuta dal cemento
quando a nessuno importava mai.
(Tupac Shakur)

poesie sulla vita

Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dell’alto, non avere macigni sul cuore.
(Italo Calvino)

Leggi anche: Frasi sul tempo e la vita: le più belle

Poesie brevi sulla vita

Le poesie famose sulla vita possono essere uno spunto per estrapolare delle frasi sulla vita utili da inviare un amico per esprimere un messaggio profondo. In basso sono disponibili tante poesie sulla vita brevi che, con pochi versi, riescono a trasmettere pensieri e raccontare storie. Di seguito sono riportati anche molti pensieri di Alda Merini con le poesie sulla vita più famose della poetessa milanese.

Gli anni
e la fredda sconfitta vive nel profondo
linee lungo il mio viso.
Mi offuscano ancora gli occhi
continuo a morire
Perché amo vivere.
(Maya Angelou)

Apro la sigaretta
come fosse una foglia di tabacco
e aspiro avidamente
l’assenza della tua vita.
È così bello sentirti fuori,
desideroso di vedermi
e non mai ascoltato.
Sono crudele, lo so,
ma il gergo dei poeti è questo:
un lungo silenzio acceso
dopo un lunghissimo bacio.
(Alda Merini)

Anima, solamente la parola
tace e si affranca il sentimento
il segreto che turpe mi appassiona
sulla scoperta che non feci mai
del cadavere vecchio di una donna
che aveva mille mani, dissepolta
dalla calunnia, quell’andare stordito
sopra i barconi della vedovanza.
Ricordami il pensiero della vita
tu che ti sei calato nelle pietre
credendole il mio fango musicale
(Alda Merini)

poesie sulla vita

Parole…Frammenti d’amore adagiati su batuffoli di nuvole dal vento sospinti si confondon nel pulviscolo dell’eternità.

Ho chiesto ai professori che insegnano il senso della vita di raccontare
me cos’è la felicità.
E sono andato da famosi dirigenti che comandano il lavoro di
migliaia di uomini.
Tutti scossero la testa e mi sorrisero come se
stessi cercando di scherzare con loro
e poi una domenica pomeriggio sono uscito
e ho visto una folla di ungheresi sotto gli alberi con
le loro donne e bambini
e un barilotto di birra e una
fisarmonica.
(Carl Sandburg)

Potresti anche telefonarmi
e dirmi in un soffio di vita
che hai bisogno del mio racconto:
favole di una bimba che legge i sospiri,
favole di una donna che vuole amare,
una donna che cerca un prete
per avere l’estrema unzione.
(Alda Merini)

La speranza è la cosa con le piume
che si appollaia nell’anima,
e canta la melodia senza le parole,
e non si ferma mai
e si sente il più dolce nella tempesta;
e dolorante deve essere la tempesta.
Questo potrebbe imbarazzare l’uccellino
questo ha tenuto così tanti al caldo.
L’ho sentito nella terra più fredda,
e sul mare più strano;
eppure, mai, all’estremità,
mi ha chiesto una briciola.
(Emily Dickinson)

Tutti, ovunque cercano la felicità, è vero,
ma trovarla e mantenerla sembra difficile da fare.
Difficile perché pensiamo che la felicità si trovi
solo nei luoghi in cui abbondano la ricchezza e la fama, e così continuiamo a cercare nei palazzi del piacere
in cerca di riconoscimento e tesoro monetario,
ignari che la felicità sia solo uno stato d’animo
alla portata di tutti coloro che si prendono tempo per essere gentili.
Perché nel rendere felici gli altri saremo felici anche noi.
Perché la felicità che dai via torna a brillare su di te.
(Helen Steiner Rice)

Tieniti stretto ai sogni
perché se i sogni muoiono
la vita è un uccello dalle ali spezzate
non può volare.
Tieniti stretto ai sogni
perchè quando i sogni se ne vanno
la vita è un campo arido
congelato con la neve.
(Langston Hughes)

Ho veduto virgulti
spegnersi a un sommo d’intima dolcezza
quasi per ridondanza di messaggi
e disciogliersi labbra
a lungo stemperate nella voce,
nell’urlo, quasi, della propria vita;
vuota di sé ho scrutata la pupilla,
impoverito il trepido magnete
che attirava in delirio le figure.
Così, sopra una forma già distesa
nel certo abbraccio dell’intuizione,
crolla la lenta pausa finale
che intossica di morte l’avventura.
(Alda Merini)

poesie di vita

Spengiti, spengiti breve candela! La vita non è che un’ombra che cammina, un povero commediante che si pavoneggia e si agita, sulla scena del mondo, per la sua ora, e poi non se ne parla più; una favola raccontata da un idiota, piena di rumore e di furore, che non significa nulla.
(William Shakespeare)

Leggi anche: Buon compleanno mamma! 119 frasi, immagini e video per farle gli auguri!

Poesie d’amore e di vita

Poeti e scrittori si sono interrogati nel corso degli anni sull‘amore e la vita, regalando frasi e poesie romantiche e profonde da cui prendere spunto. In basso sono disponibili tante poesie belle sulla vita da cui estrapolare frasi dolci da dedicare al partner. Tra gli autori che maggiormente hanno descritto la passione spicca Pablo Neruda che, nelle poesie d’amore e di vita, mostra ogni sfaccettatura dell’innamoramento. Le poesie della vita che vi proponiamo possono regalare anche singoli aforismi sulla vita da dedicare a una persona cara.

Non sono per tutti.
Conosco la mia verità
so chi sono,
so cosa faccio.
Non sono facile da affrontare
ma porto tonnellate di valore.
Porto amore e forza,
ma non sono perfetto
e se non mi trovo
con una persona o un gruppo
per me va bene.
(Sylvester McNutt)

L’amore non dà nulla fuorché sé stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto
poiché l’amore basta all’amore.
(Khalil Gibran)

Un’arancia sulla tavola
il tuo vestito sul tappeto
e nel mio letto tu
dolce presente del presente
freschezza della notte
calore della mia vita.
(Jacques Prevert)

Ricorda quando vai nel mondo
tieni gli occhi e le orecchie ben aperti.
E sii gentile.
Prenditi cura l’uno dell’altro.
Di La verità.
Fai sempre del tuo meglio.
Ascolta i grandi e i piccoli.
Esplora nuovi percorsi e divertiti.
Sappi che sei amato come un matto.
Ringrazia per tutte le tue benedizioni.
Sopra ogni altra cosa,
ama e farai
cose meravigliose in questo mondo.
(Rebecca Puig)

Abbiamo perso anche questo crepuscolo.
Nessuno ci ha visto stasera mano nella mano
mentre la notte azzurra cadeva sul mondo.
Ho visto dalla mia finestra
la festa del tramonto sui monti lontani.
A volte, come una moneta
mi si accendeva un pezzo di sole tra le mani.
Io ti ricordavo con l’anima oppressa
da quella tristezza che tu mi conosci.
Dove eri allora?
Tra quali genti?
Dicendo quali parole?
Perché mi investirà tutto l’amore di colpo
quando mi sento triste e ti sento lontana?
È caduto il libro che sempre si prende al crepuscolo
e come cane ferito il mantello mi si è accucciato tra i piedi.
Sempre, sempre ti allontani la sera
e vai dove il crepuscolo corre cancellando statue.
(Pablo Neruda)

Due amanti felici fanno un solo pane,
una sola goccia di luna nell’erba,
lascian camminando due ombre che s’unisco,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.
(Pablo Neruda)

Di tutte le verità scelsero il giorno:
non s’uccisero con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
È la felicità una torre trasparente.
L’aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.
Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l’eternità della natura.
(Pablo Neruda)

Non t’amo se non perché t’amo
e dall’amarti a non amarti giungo
e dall’attenderti quando non t’attendo
passa dal freddo al fuoco il mio cuore.
(Pablo Neruda)

poesie d'autore

Presi un sorso di vita. Vi dirò quanto l’ho pagato. Esattamente un’esistenza. Il prezzo di mercato, dicevano. Mi pesarono, granello per granello. Bilanciarono fibra con fibra, poi mi porsero il valore del mio essere. Un singolo grammi di cielo!

Ti amo solo perché io ti amo,
senza fine t’odio, e odiandoti ti prego,
e la misura del mio amor viandante
è non vederti e amarti come un cieco.
Forse consumerà la luce di gennaio,
il raggio crudo, il mio cuore intero,
rubandomi la chiave della calma.
In questa storia solo io muoio
e morirò d’amore perché t’amo,
perché t’amo, amore, a ferro e fuoco.
Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono da nessuna parte,
succede solo che sono felice
fino all’ultimo profondo angolino del cuore.
(Pablo Neruda)

Camminando, dormendo o scrivendo,
che posso farci, sono felice.
Sono più sterminato dell’erba nelle praterie,
sento la pelle come un albero raggrinzito,
e l’acqua sotto, gli uccelli in cima,
il mare come un anello intorno alla mia vita,
fatta di pane e pietra la terra
l’aria canta come una chitarra.
Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
tu canti e sei canto.
Il mondo è oggi la mia anima
canto e sabbia, il mondo oggi è la tua bocca,
lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
essere felice,
essere felice perché sì,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
con o senza tutti, essere felice con l’erba
e la sabbia essere felice con l’aria e la terra,
essere felice con te, con la tua bocca,
essere felice.
(Pablo Neruda)

Tu sai com’è questo:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste,
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.
Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti a poco a poco.
Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
ché già ti avrò dimenticata.
Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi alla riva
del cuore in cui affondo le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.
Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne nulla‚ si oblia,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finché tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscir dalle mie.
(Pablo Neruda)

Ecco come funziona
sei giovane finché non lo sei
ami finché non lo fai
ci provi finché non ci riesci
ridi finché non piangi
piangi fino a ridere
e tutti devono respirare
fino al loro respiro morente.
No, è così che funziona
guardi dentro te stesso
prendi le cose che ti piacciono
e cerca di amare le cose che hai preso
e poi prendi quell’amore che hai fatto
e attaccalo in alcuni
il cuore di qualcun altro
pompare il sangue di qualcun altro
e camminare a braccetto
speri che non venga danneggiato
ma anche se lo fa
farai semplicemente tutto di nuovo
(Regina Spektor)

poesie d'amore e di vita

Ognuno ha una favola dentro, che non riesce a leggere da solo. Ha bisogno di qualcuno che, con la meraviglia e l’incanto negli occhi, la legga e gliela racconti.
(Pablo Neruda)

Leggi anche: Buon compleanno papà: 133 frasi, aforismi, immagini per fargli gli auguri!

Poesie anonime sulla vita

Non solo poeti famosi, anche persone comuni hanno regalato delle poesie bellissime sulla vita perfette da dedicare e condividere. In basso sono disponibili opere di autori sconosciuti, ma allo stesso modo intensi e profondi, da cui è possibile prendere spunto ed estrapolare delle frasi belle sulla vita da condividere.

E poi ho capito
che per essere
più vivo
dovevo
avere meno paura
così l’ho fatto…
ho perso la mia paura
e guadagnato
tutta la mia vita.

Quando accade una cosa incredibile
sei onesto con te stesso e
inizia a fare ciò che ami,
cosa ti rende felice.
Smetti di desiderare il fine settimana.
Smetti semplicemente di guardare avanti per eventi speciali.
Inizi a vivere in ogni momento
e inizi a sentire come un essere umano.
Cavalchi l’onda che è la vita
con questa sensazione di
contentezza e gioia.
Ti muovi in modo fluido,
costantemente, calma.
Un velo si solleva,
e una prospettiva completamente nuova
è nata.

pensieri e arole sulla vita

Ci sarebbero tante cose che vorrei dirti ma finisco sempre per non dire niente. Non resta che dedicarti questo silenzio che vuol dire tutto e non vuol dire niente.

Ridere spesso e molto;
per conquistare il rispetto delle persone intelligenti
e l’affetto dei bambini;
per guadagnare l’apprezzamento di critici onesti
e sopportare il tradimento di falsi amici;
per apprezzare la bellezza,
trovare il meglio negli altri;
per lasciare il mondo un po’ meglio.

Entra in questa settimana
con l’atteggiamento che
la tua pace,
la tua salute mentale,
e il tuo cuore
significa più di
fare tutto il resto.
Che il tuo sorriso è importante
quella sensazione di riposo è importante.
Onora le cose che
ti fanno sentire bene dentro,
le cose che ti fanno sentire vivo.
Dedica tempo a queste cose questa settimana.
Rendi il tempo il regalo che è,
dandolo a ciò che conta davvero per te.

poesie brevi sulla vita

Se non scali la montagna, non ti potrai mai godere il paesaggio.
(Pablo Neruda)

Leggi anche: Lettera a mio padre: 69 idee per dirgli grazie e aprirgli il tuo cuore

Poesie sul senso della vita

Dopo le frasi sulla vita brevi e le poesie d’autore sulla vita, ecco una carrellata di opere che parlano ancora più in profondità dell’esistenza. Di seguito sono disponibili poesie sul viaggio della vita in grado di far riflettere sulla bellezza dell’esistenza e sulle sue vicissitudini.

Lasciando adesso che le vene crescano
in intrichi di rami melodiosi
inneggianti al destino che trascelse
te fra gli eletti a cingermi di luce.
In libertà di spazio ogni volume
di tensione repressa si modella
nel fervore del moto e mi dissanguo
di canto “vero” adesso che trascino
la mia squallida spoglia dentro l’orgia
dell’abbandono. O, senza tregua più,
dannata d’universo, o la perfetta
nudità della vita,
o implacabili ardori riplasmanti
la già morta materia: in te mi accolgo
risospinta dagli echi all’infinito
(Alda Merini)

Fammi vivere nel momento.
Fammi sentire tutto quello che posso.
Fammi amare la vita per tutto ciò che vale
con tutto quello che sono.
Fammi vedere cosa c’è di fronte a me
con una visione cristallina.
E affronta quello che mi aspetta lì
senza esitazione o paura.
Possa io svegliarmi ogni giorno con gratitudine,
per tutta la mia vita potrebbe esserlo.
E senti sempre quella meraviglia
al mondo che mi circonda.
Posso dare il benvenuto a eventuali estranei
con cuore e mente aperti.
E difendi sempre ciò che è giusto
con tutta la forza che posso trovare.
Lasciami perdonare me stesso per i miei errori,
mentre perdonavo gli altri.
E non diventare mai indifferente
ma sforzati sempre di preoccuparti.
Non dimentico ciò che conta
nello schema di ogni giorno,
per vivere ogni momento prezioso
in modo gentile e amorevole.
Per questo momento ora è tutto,
niente importa tranne oggi.
Quindi lo accetterò volentieri
e non lasciarlo scivolare via.
Perché passa tutto così in fretta
e una possibilità è tutto ciò che otteniamo.
E una vita di momenti sprecati
è una vita piena di rimpianti.
(Pat Fleming)

Non importa chi tu sia,
uomo, donna,
vecchio o fanciullo,
operaio o studente,
o commerciante:
se ti chiedono
qual è la cosa
più importante
per l’umanità
rispondi
prima
dopo
sempre
la pace, la bontà.
(Li Tien Min)

Hai mai guidato su una strada?
Solo per guidare senza una destinazione in mente.
La strada sembra andare avanti e avanti
senza punto di arresto.
La vita è come quella lunga strada che va avanti e avanti
non sapere quando finirà.
Ma ti sforzi ancora per un altro domani
sperando che a lungo termine
andrà tutto bene
proprio come la strada però
deve finire.
(Joseph Cacciotti)

Un colpo mortale è un colpo mortale per alcuni
che fino alla loro morte, non sono diventati vivi.
Chi aveva vissuto, era morto ma quando
sono morti, la vita è iniziata.
(Emily Dickinson)

Devo ancora arrampicarmi se voglio riposare;
l’uccello si alza in volo verso il suo nido;
la foglia giovane sulla cima dell’albero in alto
si culla nel cielo.
Non posso restare a valle:
i grandi orizzonti si estendono;
le stesse scogliere che mi circondano
sono scale per un terreno più alto.
Non sono contento finché non ho saputo
la vita che può sollevarmi dalla mia;
un livello più alto deve essere vinto.
Una forza più potente su cui appoggiarsi.
(Lucy Larcom)

poesie belle

Non lasciare che la giornata termini senza essere cresciuti un po’, senza aver sorriso molto, senza avere alimentato i propri sogni. Non fatevi vincere dallo scoraggiamento. Non permettete a nessuno di togliervi il diritto di esprimervi, che è quasi un dovere. Non desistete dal desiderio di rendere la vostra vita straordinaria.
(Walt Whitman )

Dicono che il mondo sia rotondo, eppure
penso spesso che sia quadrato,
così tante piccole ferite che riceviamo
dall’angolo qua e là.
Ma c’è una verità nella vita che ho trovato
durante il viaggio verso est e ovest,
le uniche persone che abbiamo davvero ferito
sono quelli che amiamo di più.
Aduliamo quelli che conosciamo a malapena,
accontentiamo l’ospite fugace,
e sferriamo molti colpi sconsiderati
a coloro che amiamo di più.
(Langston Hughes)

Chi ti scriverà, luce divina
che procedi immutata e immutabile
dal mio sguardo redento?
Io no: perché l’essenza del possesso
di te è “segreto” eterno e inafferrabile;
io no perché col solo nominarti
ti nego e ti smarrisco;
tu, strana verità che mi richiami
il vagheggiato tono del mio essere.
Beata somiglianza,
beatissimo insistere sul giuoco
semplice e affascinante e misterioso
d’essere in due e diverse eppure
tanto somiglianti; ma in questo
è la chiave incredibile e fatale
del nostro “poter essere” e la mente
che ti raggiunge ove si domandasse
perché non ti rapisce all’universo
per innalzare meglio il proprio corpo,
immantinente ti dissolverebbe.
Si ripete per me l’antica fiaba
d’Amore e Psiche in questo possederci
in modo tanto tenebrosamente
luminoso, ma, Dea,
non si sa mai che io levi nella notte
della mia vita la lanterna vile
per misurarti coi presentimenti
emananti dei fiori e da ogni grazia.
(Alda Merini)

Dalla solita sponda del mattino
io mi guadagno palmo a palmo il giorno:
il giorno dalle acque così grigie,
dall’espressione assente.
Il giorno io lo guadagno con fatica
tra le due sponde che non si risolvono,
insoluta io stessa per la vita
e nessuno m’aiuta.
Mi viene a volte un gobbo sfaccendato,
un simbolo presago d’allegrezza
che ha il dono di una stana profezia.
E perché vada incontro alla promessa
lui mi traghetta sulle proprie spalle.
(Alda Merini)

Gli anni sono passati
in un batter d’occhio,
momenti di tristezza,
e la gioia è volata via.
Le persone che ho amato
sono venute e sono andate
ma il mondo non si è mai fermato
e abbiamo continuato tutti.
La vita non era facile
e le lotte c’erano,
pieno di volte che contava
le volte che non mi importava.
Sono rimasto da solo
e ho ancora trovato la mia strada
attraverso alcune notti piene di lacrime,
e l’alba di nuovi giorni.
E ora con la vecchiaia,
è diventato molto chiaro
cose che una volta ho trovato importanti
non era il motivo per cui ero qui.
E quante cose
che sono riuscito a comprare,
non sono mai state ciò che mi ha fatto
sentire meglio dentro.
E le preoccupazioni e le paure
che mi tormentavano ogni giorno
alla fine di tutto
sarebbero semplicemente svanite.
E quanto ho condiviso
della mia anima e del mio cuore
alla fine sarebbe
ciò che mi distingue.
E ciò che è veramente importante
è la mia opinione su di me
e se o no,
sono il meglio che posso essere.
E quanta più gentilezza,
e l’amore che posso mostrare
prima che il Signore mi dica,
è il mio momento di andare.
(Pat Fleming)

Ho contrattato con la vita per un penny,
e la vita non pagherebbe di più
tuttavia ho pregato la sera
quando ho contato il mio scarso negozio;
la vita è un giusto datore di lavoro,
ti dà quello che chiedi,
ma una volta stabilito lo stipendio,
perché, devi sopportare il compito.
Ho lavorato per un affitto umile,
solo per imparare, sgomento,
che qualsiasi salario avessi chiesto alla vita,
la vita avrebbe pagato.
(Jessie Rittenhouse)

poesie sulla vita

Fai pure del tuo peggio per sottrarti a me, ma per tutta la vita mi apparterrai: vita che non durerà più a lungo del tuo amore, perché essa completamente da quell’amore dipende.
(William Shakespeare)

Leggi anche: Auguri di compleanno sorella: 175 frasi di auguri, immagini e video per festeggiare

Video con poesie sulla vita

Oltre alle poesie, alle frasi sulla vita e alle diverse immagini che vi abbiamo presentato ognuna con una poesia sulla vita diversa, ecco cinque video con versi e riflessioni sulla vita. In basso sono disponibili filmati con poesie recitate, e pensieri profondi sull’esistenza da condividere o dedicare, dove la vita è descritta come una ricchezza da difendere, tutelare e non sprecare.

Leggi anche: Frasi sul passato: 111 pensieri e immagini da condividere

Lascia un commento